Citroën ad AutoMoto d’epoca 2015

Dal 22 al 25 Ottobre, Citroën sarà presente ad AutoMoto d’Epoca di Padova con tre modelli che meglio hanno saputo e sanno interpretare il concetto di “auto senza pensieri”, l’auto per vivere l’avventura… anche nella jungla urbana: Méhari, 2CV Soleil, C4 Cactus.

(Ri)scopriamole insieme.

Méhari, un dromedario targato doppio chevron

Quattro ruote, un telaio, tanta fantasia e un nuovo materiale, l’acrilonitrile butadiene stirene, più comunemente noto come ABS: questa la formula magica della Méhari, nome preso in prestito da una particolare razza di dromedari diffusa in Africa, Asia e persino in Australia.

Il papà della piccola Citroën di plastica si chiamava Roland de la Poype, nobile francese col pallino per le invenzioni.

Nel secondo dopoguerra fondò la SEAB, “società per lo sviluppo e le applicazioni dei brevetti”, e si specializzò rapidamente nel più nuovo dei materiali: la plastica.

Un giorno Roland de la Poype decise di proporre a Citroën una carrozzeria in plastica per un veicolo polifunzionale. Citroën accettò il progetto e nacque la Méhari.

Colorata, ipermodellabile, ricca di qualità eccellenti come la deformabilità e la resistenza agli urti, la plastica poneva pochi limiti ai designer degli anni ’50 e ’60 che sfornavano a ciclo continuo asciugacapelli, radio, televisori e frullatori sempre più ergonomici, futuristici, persino audaci.

Nella primavera del 1968 Citroën Méhari venne presentata al mondo: una fuoristrada costruita sul telaio della popolare 2CV e rivestito in ABS colorato. Giallo, arancio, verde intenso o verde bosco, beige o rosso.

Il successo fu immediato.

2CV Soleil, un sogno a colori

La 2CV è un’auto mitica della seconda metà del secolo scorso, nata come vettura piccola, economica e robusta, così come Pierre-Jules Boulanger, a capo di Citroën negli anni Trenta, sintetizzò ai suoi progettisti:

Voglio quattro ruote sotto ad un ombrello, capace di trasportare una coppia di contadini, cinquanta chili di patate ed un paniere di uova attraverso un campo arato. Senza rompere un uovo”.

Con questi presupposti e quella linea così caratteristica, così carica di simpatia conferita dallo stilista varesino Flaminio Bertoni (uno dei tre padri della futura DS), questo modello è diventato una delle icone della storia dell’automobile.

La “Deuche” (contrazione di Deux Chevaux, ovvero Due Cavalli) entrò nel cuore dei francesi anche perché facile da personalizzare secondo il proprio gusto, in quanto non era una semplice autovettura: era una tavolozza su cui disegnare se stessi, i propri sogni, il proprio immaginario.

Una tavolozza troppo invitante per non interessare il fantasioso artista Serge Gevin, che creò, quasi per gioco, la prima serie speciale della 2CV, denominata Spot, e più tardi, negli anni Ottanta, la 2CV Charleston.

È rimasta invece nel cassetto dei sogni dell’artista una 2CV davvero particolare, che lo stesso artista ci ha recentemente raccontato:

«Voglio che sia bianca, con i parafanghi gialli, la capote gialla, fino al portellone. Con le ruote bianche, i fari (rotondi) anch’essi bianchi. Con i sedili rivestiti in cotone come le giacche dei marinai, con le cuciture gialle».

Perché è al mare, al sole, alla luce e all’avventura che s’ispira la 2CV Soleil.

Concepita nel 1982 e mai realizzata, 2CV Soleil è il sogno a colori di Serge Gevin che Citroën Italia ha concretizzato nel 2015 operando un restauro completo e assoluto, nel rispetto delle modalità di lavorazione delle serie speciali della 2CV, sulla base di una versione Club dell’82.

C4 Cactus, la sintesi del benessere

I valori di simpatia, allegria, funzionalità, semplicità, economicità di utilizzo alla base di 2CV e Méhari si ritrovano oggi nella C4 Cactus.

C4 Cactus con il suo design unico incarna perfettamente i principi ispiratori del marchio Citroën: ottimismo, benessere, comfort e tecnologia utile. Fa a meno del superfluo, riducendo così peso e consumi, pur senza rinunciare a nulla di ciò che è essenziale per il benessere dei suoi occupanti.

Cosa aspettate?

Vi aspettiamo a Padova!