Rally del Portogallo: Mikko Hirvonen sul podio

È stata, come sempre, una gara emozionante. Anche con un distacco netto tra i primi, l’ultima tappa del Rally del Portogallo non poteva essere presa alla leggera. Il percorso della giornata comprendeva due tranche con le speciali di Silves (21,52 km) e Almodovar (52,30 km): dato che il regolamento 2013 riduce le quote pneumatici concesse alle vetture, gli equipaggi dovevano gestire al meglio le gomme per tagliare il traguardo nelle migliori condizioni.

Terzo in classifica generale sabato sera, Mikko Hirvonen partiva con l’obiettivo di mantenere la posizione. Fino dai primi intermedi di Silves 1 (PS12), però, il finlandese ha constatato che le auto di Ogier e Latvala perdevano decine di secondi. «Ho persino pensato a un errore di cronometraggio», ha dichiarato il pilota, che ha terminato la speciale al secondo posto. «È un rally molto impegnativo per i meccanici, e la mia DS3 WRC è stata perfetta. Continuerò la gara senza correre rischi per conservare il piazzamento. Non sono preoccupato per i pneumatici perché ho gestito bene la quota dall’inizio.»

Hirvonen ha portato a termine la corsa senza problemi, piazzandosi sul secondo gradino del podio. «Un secondo posto è sempre un buon risultato, ma devo ammettere che speravo di essere un po’ più veloce», ammetteva il pilota del Citroën Total Abu Dhabi WRT. «Dal Messico stiamo andando bene, ma avrei dovuto fare più prove su strada per ottimizzare la messa a punto delle sospensioni e forse è per questo che non sono riuscito a trovare il ritmo giusto già venerdì mattina. Dobbiamo continuare a lavorare per migliorare le prestazioni nei tratti più veloci. »

Nel Rally2 l’unico obiettivo di Dani Sordo era conquistare punti per il Campionato del Mondo Costruttori. Risultato raggiunto con la nona posizione. «Sono soddisfatto soprattutto dell’inizio della corsa perché il mio feeling con la vettura era eccezionale; poi ho capito che per ottenere buoni risultati è essenziale fare bene nelle qualificazioni. Arriverò in Argentina ancora più motivato e con la voglia di dimostrare quello che so fare.»

Autore di un rally perfetto, Khalid Al Qassimi porta a casa punti e buone speranze per il futuro: «Sono contento di essere riuscito a concludere il rally e di aver perfezionato il mio stile di guida nelle ultime speciali», dichiarava il pilota della DS3 WRC dell’Abu Dhabi Citroën Total WRT. «I pneumatici tendevano a surriscaldarsi, quindi ho rallentato il ritmo e ho visto che andava meglio. Miglioriamo sempre più.»

Yves Matton, Direttore di Citroën Racing, ha concluso complimentandosi per il lavoro fatto dal team dal Rally del Messico: «Abbiamo dimostrato che la nostra auto è la più affidabile e siamo anche riusciti a migliorare ulteriormente le prestazioni adattandola allo stile dei nostri piloti. Una soddisfazione che ci permette di affrontare con ottimismo il resto della stagione.»